Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

banner idee per viaggiare

ACCORDO ENTE NAZIONALE SORDI-ZOOMARINE

23entesordizoomarineuno 1

- QUANDO I DELFINI AIUTANO A COMUNICARE MEGLIO-

Presso la Regione Lazio la presentazione del progetto alla presenza del consigliere Tripodi  - Il Parco di Roma offre attività gratuite per favorire la comunicazione e l’integrazione di bambini e adulti

Zoomarine e l’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi onlus insieme per favorire l’integrazione dei bambini e delle persone sorde. 

Siglato presso la sede della Regione Lazio un accordo quadro che prevede una serie di azioni e progetti comuni tra il Parco marino di Torvaianica e l’Ente Sordi. 

Zoomarine offrirà gratuitamente ad adulti e bambini con problematiche uditive, segnalati dall’Ente sordi, visite guidate al Parco e programmi di interazione con gli animali, a partire dai delfini. 

23gruppoxenmtesordi 1

Il progetto è stato presentato in conferenza stampa presso la sede del Consiglio regionale del Lazio da Biagio Meschino - Segretario regionale Lazio dell’Ente nazionale per la protezione e l’assistenza dei sordi Onlus, Renato Lenzi - Amministratore delegato Zoomarine Italia, alla presenza del consigliere regionale Orlando Angelo Tripodi - Presidente della Lega in Consiglio regionale del Lazio e Vicepresidente VI Commissione Bilancio, Programmazione economico-finanziaria, Partecipazioni regionali, Federalismo fiscale, Demanio e Patrimonio. 

Ad unire in maniera speciale persone sorde e delfini sarà il linguaggio dei segni, il codice di comunicazione universale utilizzato dai sordi ma anche dagli addestratori nel rapporto con i delfini.

I delfini sono, infatti, grandi comunicatori ed hanno una ricchezza di linguaggio ed intelligenza fuori dal comune. Questi mammiferi sono dotati di un ricchissimo “vocabolario”: oltre a fischiare, grugnire e strillare, riescono a emettere una vasta gamma di suoni percepibili dagli uomini, oltre a emettere ultrasuoni con frequenze troppo elevate per i nostri limitati organi acustici. 

I ragazzi sordi possono trarre benefici da un rapporto speciale con questi mammiferi, potendo comunicare in modo particolare con i delfini grazie al linguaggio dei segni, aumentando la loro percezione, sicurezza ed inclusione. 

Il linguaggio dei segni, infatti, è il linguaggio preferenziale per poter comunicare con i delfini, proprio come lo è per le persone sorde.

“Ancora una volta Zoomarine è attento al sociale e mette a disposizione gratuitamente il nostro patrimonio di conoscenza e divulgazione delle potenzialità dei delfini a favore di adulti e bambini in difficoltà – spiega il dott. Renato Lenzi, Amministratore delegato di Zoomarine ed esperto di delfini con una lunga carriera internazionale -. L’incontro di una persona sorda con un delfino stimola una speciale interazione, costruita su dinamiche di comunicazione non convenzionali. 

Il linguaggio del corpo per scambiarsi emozioni e informazioni è infatti alla base del lavoro che noi facciamo nell’interazione quotidiana con i delfini, proprio così come fanno le persone sorde. 

In questo processo l’interazione uomo/delfino si rivela uno straordinario momento di inclusione. 

E ancora più efficace sarebbe stato il contatto con i delfini, attività purtroppo non possibile al momento in Italia, ma che dimostra grandi benefici in tutto il mondo, dove viene realizzata da tempo”. 

Banner 4Winds 700