Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

banner idee per viaggiare

Fiavet Lazio. Giustizia è fatta

Una recente sentenza conferma la correttezza dei suoi comportamenti

di Antonio Castello

14PresidFiavetLazioCon la sentenza del 16/09/2021 il Giudice di Pace di Roma ha riconosciuto la legittimità di Fiavet Lazio, che aveva frapposto ricorso avverso la sanzione amministrativa comminata dalla Regione Lazio, per svolgimento di attività ritenuta illecita. I fatti risalgono al dicembre 2019 quanto l’Associazione indisse un Congresso, promuovendolo sia sul proprio sito internet che su alcuni gruppi Facebook di agenzie di viaggi. L’iniziativa non prevedeva alcunchè di anormale: il Congresso, rivolto sia ai Soci che ai loro accompagnatori, era stato indetto nell’ambito delle attività istituzionali e pertanto, nel pieno rispetto dei propri dettami statuari. Ciononostante, a seguito di un esposto presentato peraltro da un’altra associazione similare di categoria, l’Aiav, la cui acrimonia risultò oltre modo dubbiosa, la Regione Lazio decise di comminare a Fiavet Lazio una salata sanzione pecuniaria, colpevole di aver proposto un modulo nel quale, oltre alla quota riservata ai soci, si determinava anche una quota per i non soci. Secondo l’organismo regionali, Fiavet Lazio, con il suo modus operandi realizzava una attività imprenditoriale di “agenzia di viaggi” senza averne l’autorizzazione. In poche parole, la più importante associazione di categoria, nell’occasione, veniva accusata di esercitare un’attività “abusiva”. La notizia scatenò una ridda di supposizioni e di sospetti arrivando perfino a far affermare ad una autorevole testata giornalistica di settore che Se la legge del contrappasso avesse bisogno di una spiegazione sintetica, la disavventura in cui è incappata Fiavet Lazio sarebbe l’esempio perfetto”.

Il tempo come sempre è galantuomo ed oggi il Giudice ha correttamente sentenziato che l’Associazione non aveva commesso alcun illecito. “Ci auguriamo, dichiara il Presidente Stefano Corbari, che tutti coloro che hanno dubitato del nostro operato e accostato la Fiavet Lazio ad altre associazioni che operano abusivamente nel campo del turismo si ricredano ed ammettano l’errore di valutazione, poiché non v'è dubbio, né mai c'è stato, che la Fiavet Lazio sarà sempre in prima linea per combattere l'abusivismo come costantemente fatto nei suoi sessanta anni di attività”.

Banner 4Winds 700