Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

banner idee per viaggiare

NEW DEAL PER IL "PICCOLO PRINCIPE"

Il Ristorante Il Piccolo Principe di Viareggio riapre con un nuovo appeal: con una accurata ristrutturazione degli interni e degli spazi si è spostato dalla terrazza panoramica al quinto piano del Grand Hotel Principe di Piemonte, al piano terra fronte mare, in una splendida Veranda dorata. L’indirizzo 2 stelle Michelin dello Chef Giuseppe Mancino, si presenta quindi completamente rinnovato: negli spazi, negli arredi e nel décor degli interni. La cucina è composta da creazioni armoniose, in equilibrio fra rivisitazione di tradizioni locali e campane e sapienti accenti contemporanei.
25piccoloprincimepranzo

Ristorante Il Piccolo Principe - 2 Stelle Michelin - Chef Giuseppe Mancino

Il Ristorante gourmet del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio è stato recentemente oggetto di una ristrutturazione importante a cura degli architetti Diletta Storace e Nicola Spagni. Non più sul roof dell’albergo, ha aperto nella Veranda che al piano terra si affaccia sul lungomare. Il nuovo ristorante è caratterizzato da elementi dalle linee contemporanee che ricordano le grandi serre: la facciata viene rimarcata sulle colonne della veranda con decori dorati. Tutti gli elementi di arredo sono prodotti su misura: i lampadari, i tavoli creati appositamente in marmo, materiale prezioso adatto ad essere mostrato anche senza tovaglia. L’insieme è completato da poltrone di design in tessuti molto pregiati e da una parete di vegetazione in vasche dorate. Anche il sistema audio del ristorante e la climatizzazione sono stati studiati nei minimi particolari per creare atmosfera senza essere invadenti.

Con lo Chef Giuseppe Mancino, Il Piccolo Principe ha ottenuto importanti riconoscimenti: dal 2014 ha ben due stelle Michelin, e fa parte delle più prestigiose guide tra le quali il Gambero Rosso (3 forchette) e l’Espresso. Lo chef è interprete di una cucina fine dining contemporanea, con radici e memoria in Toscana e in Campania e un respiro internazionale che guarda all’Europa e all’Asia. È una cucina personale, istintiva nell’idea e precisa ed equilibratissima nel gesto. Una cucina degna di una grande casa dell’ospitalità a 5 stelle.

II menù degustazione “L’Esperienza” offre il meglio della carta e include i suoi piatti signature della stagione, che giocano fra origini campane dello Chef, alcuni ingredienti must della tradizione toscana e sapori lontani. Fra gli antipasti Ostrica Escoffier; uno dei suoi cavalli di battaglia Triglia di scoglio, crema di erbe amare, mozzarella di bufala, limone sotto saleSushi toscano: battuta di manzo affumicato tagliato al coltello, tartufo di stagione, pecorino, rucolaBaccalà candito, panzanella toscana, alghe, spuma di mareAnimelle di vitello cotte al barbecue, olio al carbone, condimento al prezzemolo, ortaggi sotto aceto. Due i primi piatti, in par condicio fra terra e mare: il Tortello ripieno di genovese di manzo, crema di cipolla, salsa al latte di cocco che bilancia la tradizione campana d’origine dello chef con la salsa esotica e i Fusilli Pietro Massi, nero di seppia, lardo di calamari, piselliCosì come i secondiPiccione arrostito, chutney di mango, foie gras e punte di cicoriaRombo chiodato, asparago viola, salsa agli agrumi. Per concludere, un dessert dal carattere esotico: Morbido al tè matcha, varie consistenze di lampone.

Più leggero il menù degustazione “L’Essenziale”, che include Rapa rossa marinata e mandorleZuppa di lattuga, bottoni di bietola farciti al caprinoFagottino cacio e pepe, zabaione allo zafferano, pera alla senapeSpaghetti Mancini, estratto di peperoni, capperi, polvere di vegetaliUovo di gallina in camicia, Parmigiano Vacche Rosse, asparagi, quinoa croccante, pesto di fave, essenza di vanigliaMela verde: bavarese allo yogurt, aneto, rabarbaro.

La carta offre portate sofisticate e creative in equilibrio fra pesce e preziosi ingredienti di terra, e le esigenze vegane e vegetariane della clientela. Non dimenticando però il luogo che lo ospita e la tradizione versiliese, Il Piccolo Principe dedica un menù a “Il Mare”, che valorizza il pesce con freschi accenti esotici: Triglia alla pizzaiola: essenza di pomodoro, olive, capperi, spuma di bufalaScampo, rape rosse, rabarbaro agrodolce, caviale italianoCalamarata di Gragnano, servita sottovetro con frutti di mare, crostacei, punte di asparagiRavioli di farina di riso, granchio King Crab, lumachine di mare, aglio nero, pomodoro gialloBranzino cotto nella foglia di banano, bietole, finocchio, salsa al curryFreschezza esotica: fiordilatte, mango, babà, sorbetto alla papaya. 

Fra i piatti non inclusi nei menù degustazione, meritano una menzione alcuni piatti rappresentativi dello stile di Mancino: una sontuosa Pluma di Maiale Iberico, ostriche, scalogno caramellato, barba di prete; o l’Anatra laccata al tè, scorzonera, ciliegie, radicchio tardivo, salsa alle spezie.

Il Ristorante è aperto anche agli ospiti esterni, a cena dalle 19.30 alle 22.30, lunedì giorno di chiusura.

Grand Hotel Principe di Piemonte - Piazza Giacomo Puccini, 1, 55049 Viareggio (LU) - Telefono: 0584 4011 – Fax 0584 401803 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.principedipiemonte.com

(Fonte foto: Ufficio Stampa Travel Marketing 2, Roma)

Banner 4Winds 700