banner idee per viaggiare

Prospettive e nuove partnerships per Quiiky

Un debutto di anno eccezionale per il tour operator specializzato in turismo LGBT. Si apre a nuove destinazioni e mentre il mondo apprezza i suoi tour esclusivi denominati “The Untold History”

Un 2015 importantissimo per Quiiky che si aspetta un incremento significativo in incoming dopo essere diventato un operatore di riferimento a livello internazionale con “The Untold History”. La grandissima eco avuta sulla stampa internazionale (New York Times, The Guardian, BBC tra le più note testate) ha raccontato dei pacchetti con guide specializzate nella cultura identitaria gay classica. Il business plan avviato tre anni fa che ha visto l’apertura internazionale di Sonders & Beach - di cui Quiiky è un marchio - vede il suo compimento nel 2015.

Alessio Virgili7Prosegue naturalmente anche l’attività outgoing del tour operator, che si arricchisce anche di nuove destinazioni come la Polinesia, di Kuda Travel. Si consolidano nel fatturato e nelle prenotazioni gli USA (New York, Boston, Miami, San Francisco, Denver e Chicago, con degli exploit positivi su Provincetown e Key West), il Canada (Toronto e Montreal). Seguono la Thailandia, Israele, Gran Canaria, ma anche le città come (Berlino, Bruxelles, Madrid in particolare).Per i soggiorni estivi al top delle prenotazioni è su Gallipoli, Taormina, Ibiza, Mykonos, Lesvos, Santorini. Cape Town in Sud Africa, sta vivendo un momento particolarmente favorevole per Quiiky.

“Un mercato da 165 miliardi di cui 65 miliardi di dollari in USA e 48 miliardi di euro in Europa, e 2,7 miliardi di euro in Italia (secondo la ricerca Gfk Eurisko) è consapevole oggi che a Milano si può fare un tour sulle orme di Leonardo da Vinci non omettendo le influenze che la sua omosessualità ha avuto sulla sua arte, come pure a Roma si possono visitare musei e siti archeologici riscoprendo tutto ciò che non ci è mai stato detto nei tour tradizionali” afferma il general manager di Quiiky Alessio Virgili (nella foto).

 

Per il 2015 prevediamo un incremento del fatturato intorno al 15% - afferma il general manager – per noi sarà un anno decisivo perché in vista di Expo abbiamo aumentato gli investimenti promozionali, abbiamo assunto nuove risorse ed ampliato la nostra sede di Milano”.

Si può immaginare, con la stima di arrivo di 2 milioni di turisti LGBT a Milano, solo per l’Expo, quale danno si provoca alle aziende come la nostra, se si distrugge la già scarsa pianificazione di campagne idonee all’accoglienza internazionale di questo target, con convegni omofobi avallati e patrocinati dalle istituzioni stesse” afferma Virgili.

“Secondo l’ultima ricerca Community Marketing – conclude Alessio Virgili - l’Italia è al primo posto tra le destinazioni che desidera visitare il target LGBT, poi ne fatti ci troviamo al settimo posto per arrivi nel mondo, per la percezione di Paese non gay friendly”. 

Siglata partnership tra Quiiky e Kuda Travel sulla Polinesia. Al via i due incontri formativi con gli agenti di viaggio

Un sostegno formativo e pragmatico sulla Polinesia curato dalla pluriennale esperienza sulla destinazione di Kuda Travel, un sostegno formativo e pragmatico sul target turistico LGBT curato dal tour operator leader di settore Quiiky. Nasce così la partnership siglata tra Quiiky e Kuda Travel orientata a dare il massimo sostegno agli agenti di viaggio legati a entrambi i tour operator.

“Grazie a Kuda riusciremo noi stessi a conoscere in modo approfondito la destinazione e a crescere sul lungo raggio in luoghi dove la civiltà dovrebbe essere un esempio di accoglienza per il resto del mondo” afferma Alessio Virgili general manager di Quiiky.

“Abbiamo studiato dei pacchetti di grande interesse per il nostro target di clientela – prosegue Andrea Cosimi direttore commerciale – tra i più apprezzati ci sono le mini crociere private per conoscere le diversità di ogni isola, ma soprattutto puntiamo sulla destinazione per i matrimoni, che hanno in Polinesia riti particolarmente emozionanti, e sulle isole come estensione per viaggi di nozze da sogno”.

“Stiamo dando a questa collaborazione tutto l’impulso possibile affinché la destinazione sia sempre meglio conosciuta, apprezzata ed amata da tutti coloro che si avvarranno delle nostre proposte” afferma Annelisa Forcella, Product Director di Kuda Travel.

“Tra i principali intenti comuni – prosegue la manager - c’è quello di offrire le migliori proposte ed una consulenza di viaggio ineccepibile che è poi diventata in modo inequivocabile il valore aggiunto che mettiamo nei nostri progetti”.

“Siamo in grado di accogliere e soddisfare le richieste del viaggiatore con attenzione e flessibilità, forti della profonda conoscenza del prodotto, saremo i consulenti ed il supporto tecnico nella creazione del viaggio da sogno per il cliente LGBT” conclude Forcella.

I primi appuntamenti con i seminari formativi dal titolo: “Il Turista Gay: intercettarlo e relazionarcisi, La Polinesia Francese (focus sull’offerta gay friendly)” sono a Roma il 4 febbraio al Grand Hotel Ritz alle 12.00, e a Milano il 26 febbraio alle 18.30 al Four Point Sheraton. 

Banner 4Winds 700