banner idee per viaggiare

Alessio Virgili replica ad Alfano

“Alfano fa un grave errore di valutazione sul turismo matrimoniale LGBT”

Il presidente dell’Associazione Italiana Turismo Gay Lesbian stigmatizza alcune affermazioni che creano danni economici alle aziende operanti nel turismo “inesistente” per il Ministro

Alessio Virgili7“Che non ci sia una legge federale che permetta di sposarsi tra due persone dello stesso sesso è vero, ma che non esista un turismo matrimoniale LGBT credo che sia una affermazione azzardata da parte del ministro dell’interno Angelino Alfano” è quanto dichiara il presidente dell’Associazione Italiana Turismo Gay & Lesbian Alessio Virgili (nella foto). “Anche non potendosi sposare in Italia, molte coppie gay arrivano a trascorrere il loro viaggio di nozze qui, perché il nostro Paese, secondo le ricerche attualissime di Community Marketing è al primo posto tra le destinazioni che vorrebbero visitare, ma al settimo per arrivi di questo segmento turistico, anche per queste affermazioni che mettono in ginocchio aziende come le nostre di AITGL; imprese che ogni giorno si adoperano per promuoversi presso le comunità gay mondiali investendo denaro che incrementa il nostro PIL, e pagando regolarissime imposte.

La popolazione adulta LGBT dichiarata è di 25 milioni di persone (dato OMS), un mercato che nella sua totalità ha un potere d’acquisto pari a 835 miliardi di dollari di cui 65 miliardi vengono spesi solo per viaggi e turismo (secondo ricerche dell’IGLTA Internatonal Gay& Lesbian Travel Association).

In Europa secondo un’indagine Geta (Gay European Tourism Association) si stima che i circa 22,6 milioni di gay europei abbiano una capacità di spesa turistica che si aggira tra i 48 e i 52 miliardi di euro.

“In Italia, in base ai dati della ricerca GFK Eurisko abbiamo scoperto che il volume di affari generato dal turismo LGBT si aggira sui 2,7 miliardi di euro”.

“Per Expo sono attesi 2 milioni di gay, società istituzionali si adoperano anni per creare pacchetti specifici di accoglienza e promuoversi a livello internazionale, mentre allo stesso tempo si svolgono convegni patrocinati da istituzioni in cui si afferma che l’omosessualità è una malattia, come ai tempi di Himmler” prosegue Alessio Virgili.

Quanto ai matrimoni e al turismo derivante basti saper che il 32% delle persone LGBT che si sposa celebra la propria cerimonia all’estero: milioni di persone che non possono sceglierci. E noi ci mangiamo le mani perché il 9% di questi spende circa 20.000 euro per la festa, gli invitati e il viaggio”.

“Se vogliamo essere ancora più concreti – conclude Virgili - basti guardare a una città come New York che appena ha autorizzato i matrimoni gay, le entrate derivanti dagli 8.200 matrimoni omosessuali che si sono celebrati nei primi sei mesi sono state pari a 259 milioni di dollari”. “Sì, questo turismo matrimoniale non c’è in Italia purtroppo per le nostre aziende, e anche per l’economia italiana”.

Associazione Italiana Turismo Gay & Lesbian 

Banner 4Winds 700