banner idee per viaggiare

DAL “RAINBOW” AL “MELOGRANO”, LE BOUTIQUES  DELLA RISTORAZIONE A ROMA IN TEMPO DI COVID

Loro sono veri campioni della resistenza, o resilienza come si dice oggi… Colpiti duramente dalle conseguenze dell’era covid, sconvolti dalle restrizioni, dal lockdown, dalle regole ferree che hanno accompagnato i colori dal giallo al rosso, loro hanno resistito, si sono attrezzati per affrontare al meglio le mille difficoltà che hanno accompagnato la spaventosa pandemia che ha colpito il mondo intero.

25rosacristinaraimbow

Rosa e Cristina Frezza

IL RAINBOW DI CORSO FRANCIA

Siamo a Roma, e incontriamo Rosa e Cristina Frezza, le “eroine” del Rainbow Bar (che poi chiamarlo Bar è riduttivo, molto riduttivo…).

Loro hanno aperto in Corso di Francia 168 nel 2003, e si avvicinano dunque ai vent’anni di attività in un locale non grande ma molto accogliente, dotato di una ventina di posti all’aperto protetti da un gazebo, e ci sono 5 posti all'interno. Le peculiarità del Rainbow? Senza dubbio la cucina, con una scelta variegata e gustosa, con un menù che cambia ogni giorno e viene inviato con whatsapp ai clienti più assidui affinché possano scegliere comodamente i piatti preferiti. La regina della cucina è Cristina, che ha cominciato giovanissima a lavorare nel settore, e adesso propone pietanze semplici ed anche raffinate, pasta cucinata in mille modi, riso, minestre, carne saporita, pesce (come le sue “cernie in crosta” di patate, mandorle e pistacchio oppure agli agrumi e al limone)… E che dire della sua parmigiana? O del suo mitico gateau di patate? O ancora delle verdure gratinate? O le polpette straordinarie? E naturalmente si trovano anche piatti semplici per chi è a dieta: riso in bianco, petto di pollo alla griglia, merluzzo lesso… 

18alessandroprezopsicristina

Alessandro Preziosi al Rainbow Bar con Cristina Frezza 

“I nostri clienti provengono per lo più dagli uffici di zona, dagli studi medici, oppure sono abitanti di Corso Francia e non solo, qualcuno arriva anche dai Parioli o da Monte Sacro”. - spiega Rosa, che si occupa del bar, dell’amministrazione, delle pubbliche relazioni, e gestisce il momento topico del lunch, quando arrivano gli ospiti numerosi per gustare le specialità offerte. 
19scardignotrematerraaperitivo

Aperitivo al Rainbow Bar per Antonio Scardigno attore, sceneggiatore, produttore e Carlo Trematerra regista

“Il periodo iniziale di questa immensa tragedia - aggiungono Rosa e Cristina - ha costretto anche noi a un periodo di chiusura, e quando abbiamo riaperto abbiamo dovuto ridimensionare il personale, ma l’attività è ripresa senza problemi, non possiamo lamentarci, ci rendiamo conto che ci sono situazioni drammatiche per molti commercianti, per gli alberghi ed altri ancora. Qui da noi i clienti vengono con tranquillità, molte famiglie utilizzano il metodo dell’asporto, e al bar c’è sempre il momento rilassante dell’aperitivo. C’è stato un piccolo calo dagli uffici per via dello smart working, ma noi adeguiamo l’offerta alla domanda e così manteniamo un certo equilibrio operativo”.

Al Rainbow si può anche ordinare un pranzo per un evento in famiglia, Cristina è sempre pronta a scatenare la sua fantasia, mentre Rosa si occupa di far rispettare ai clienti le regole del green pass e della mascherina.

IL MELOGRANO in Via Magnano in Riviera

20andreasensilincontro

Andrea Sensi, titolare del "Melograno"

In Via Magnano in Riviera 68, vicino all’Ospedale Sant’Andrea, "Il Melograno”, tavola calda, ristorante e servizi, ha aperto nel 2005. Il titolare Andrea Sensi (nella foto qui sopra) ci racconta la sua esperienza professionale durante il peggior periodo legato al covid: “Mentre eravamo chiusi a causa del lockdown, mi sono guardato intorno per capire come potesse funzionare il nostro lavoro. Alla riapertura, ci siamo organizzati con l’asporto e il delivery. Noi che ci troviamo per così dire “in periferia” abbiamo probabilmente sofferto meno rispetto ai locali omologhi del centro città: non essendo in area turistica, è stato possibile razionalizzare i costi di gestione e abbiamo mantenuto la nostra clientela, molti provengono dall’Ospedale Sant’Andrea, altri abitano in zona, ci sono poi gli uffici, anch’essi buoni serbatoi di clienti”.

20barlincontro

Il Melograno è un bar con ristorante-tavola calda, ha una sala in cui si può essere serviti à la carte, e un altro spazio per chi preferisce il self service. I posti all’interno del locale sono complessivamente 60, e c’è anche un dehors con 20 posti per chi sceglie di pranzare all’aperto. Il distanziamento è perfettamemte equilibrato in base alle norme vigenti.
20barflincontrotrepersone

Andrea Sensi con due clienti affezionate. Si riconosce, a sinistra, la scrittrice Gloria Tozzi

La cucina della tavola calda propone vari piatti sempre diversi e molto gustosi, mentre il ristorante servito ha un’impronta prettamente romana: amatriciana, gricia, cacio e pepe, e poi mezze lune al manzo e tartufi (specialità di Marisa, la mamma di Andrea Sensi, la regina della cucina) ed altre specialità. Carne ottima cucinata a scelta del cliente.

Qui si chiede il green pass a tutti e si fa rispettare l’uso della mascherina, che si può togliere soltanto a tavola. 

Un buon segno, se consideriamo che diversi locali a Roma ancora non lo fanno… (E.F.)

Banner 4Winds 700