Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

Marocco

thumb marocco1Quello che più sorprende, visitando città marocchine come Agadir ed altre, è l’impronta europea nei servizi al cittadino, per cui si trovano innumerevoli e moderni punti di assistenza medica, oculistica, dentistica, così come supermercati con specialità anche italiane. Non ci si sente davvero lontani da casa, in Marocco. Non si corrono neppure gravissimi rischi per la salute, fatta eccezione per la diarrea del viaggiatore, presente in gran parte dei Paesi mediterranei, e di altre affezioni intestinali trasmesse dagli alimenti e dall’acqua. Nei periodi più caldi bisogna naturalmente prendere il sole con cautela e con la protezione di creme apposite. Non sono richieste vaccinazioni per entrare nel Paese. Qualche rischio di malaria, peraltro benigna, è segnalato nei periodi caldi (maggio-ottobre).

Come sono gli hotels

Esistono insediamenti alberghieri molto lussuosi collegati a catene internazionali ed anche semplici hotels per vacanze balneari. Si consiglia agli italiani di non scendere mai al di sotto delle "quattro stelle" per avere garanzia di pulizia, igiene, vitto accettabile, comfort , assistenza e sicurezza. Nelle città di Marrakech e Agadir vi sono due villaggi Valtur molto rinomati, dove il cliente parla e mangia prevalentemente italiano, è coinvolto da un team di animazione pieno di fantasia e può praticare numerose attività, dai tradizionali sport acquatici fino al tennis, all’equitazione, al tiro con l’arco ed al golf. Si consiglia di non bere l’acqua del rubinetto e di utilizzare la minerale (che non manca mai). Nei bagni dei migliori hotels si ricevono in dotazione tubetti di dentifricio, creme solari, saponette ed altro ancora; molto spesso c’è l’asciugacapelli.

La ristorazione


Come detto, è possibile mangiare italiano, dunque pastasciutta, risotto e perfino pizza napoletana nei villaggi di Agadir e Marrakech. Ma non bisogna dimenticare che la cucina marocchina è straordinaria e propone una vastissima scelta di specialità, molte delle quali risentono dell’influenza francese, e bisogna assaggiare i gustosi piatti locali. I ristoranti sono numerosi, si trovano moltissimi fast-food e negli alberghi la ristorazione è di buon livello. Segnaliamo "chorba" e "harira", ottime minestre robuste e piccanti; uno dei piatti forti è il "couscous", servito in un grande recipiente che contiene semola e un sugo di carne e verdure; c’è poi il pollo ("faruuj") arrosto con patate; molto gustosi gli spiedini di carne cotti alla brace ("kebab"); consigliamo anche il "tajine", stufato di agnello (o manzo, o pollo) cucinato con patate, cipolle, carote ed altre verdure ed ortaggi. I dolci migliori si trovano nelle numerose pasticcerie; oltre alle paste simili a quelle "nostrane", suggeriamo gli "sfinj" (ciambelle fritte), e i "cornes de gazelle", zuccherati e appetitosi. Té ("atay") e caffè ("qahwa") sono le bevande-base in Marocco, il té in particolare è squisito, specie se alla menta. Ottimi i succhi di frutta appena fatti. Non mancano Coca Cola e Pepsi, ed è molto gradevole l’acqua minerale locale. In Marocco si produce birra, anche se non eccezionale. Il vino marocchino è buono, specie quello rosso. Consigliamo di evitare i gelati se non sono di produzione industriale e confezionati.

Le farmacie

Numerosissime le farmacie in Marocco, specialmente nelle città. Ve ne sono di modernissime, ma ci si imbatte anche in vecchie botteghe "old style" oppure in locali tipicamente arabi; tutte dispongono di prodotti europei e segnatamente italiani, e si può acquistare in pratica qualsiasi medicinale senza ricetta, fatta ovviamente eccezione per gli psicofarmaci e la pillola anticoncezionale: consigliamo a chi ne fa uso di non lasciare mai questi prodotti a casa! Gli articoli da toeletta sono a buon mercato, molti sono di origine francese, ma non c’è un grande assortimento di marche. Vi sono naturalmente i preservativi, anche se la varietà è limitata e soprattutto non vengono esposti in modo vistoso come da noi, meglio chiedere. Non si trovano le ostie e non c’è molta scelta quanto ad assorbenti igienici, di solito si trovano quelli più tradizionali ed anche i tampax. Molto spesso i grandi alberghi sono forniti di drugstore che vendono farmaci di prima necessità come aspirina, digestivi, disinfettanti, creme solari, creme in stick per le labbra ed altro ancora.

Se necessario...

Il livello medio degli ospedali del Marocco è accettabile, anche se alcune strutture ospedaliere appaiono carenti. I medici hanno quasi tutti studiato all’estero, in particolare gli specialisti, ed hanno esercitato in ospedali francesi o inglesi. L’ospedale più rinomato del paese l’ "Avicenne" di Rabat (telefono 672871), è un complesso molto efficiente in funzione ventiquattr’ore su ventiquattro. Sui quotidiani locali si trovano ogni giorno indirizzi e numeri telefonici di ospedali, cliniche, centri medici e farmacie. Ogni albergo è in grado di organizzare una visita medica per i clienti in caso di necessità, il costo è abbastanza accettabile, dipende anche dal tipo di specializzazione e dalle prestazioni richieste. In ogni villaggio Valtur c’è un medico italiano residente a disposizione tutto il giorno; la visita è gratuita per gli ospiti, ai quali vengono somministrati i farmaci più idonei, di cui al villaggio esiste un’ampia dotazione. Gli uffici consolari (Casablanca, tel. 277558 - Agadir, tel. 823013) o anche l’ambasciata italiana a Rabat (706597/8) possono fornire preziosi consigli ai nostri turisti.

Consigli e curiosità

  • In tutto il Marocco si può entrare in contatto con la Polizia telefonando al numero 19.
  • Le donne occidentali, se in viaggio da sole, saranno fatte oggetto di attenzioni a volte imbarazzanti, è bene non andare in giro vestite succintamente.
  • E’ sempre opportuno avere con sé una piccola farmacia da viaggio, con aspirina (o analogo antipiretico/ antidolorifico/ antinfiammatorio), antistaminici sia in compresse che in crema, antibiotici e disinfettanti intestinali che si usano abitualmente, lozioni anti-insetti, creme solari ad alta protezione, stick protettivi per labbra, cerotti di varie dimensioni, antisettici liquidi e/o in polvere, forbicine, pinzette, termometro.

Frasi utili

Il francese è molto diffuso in tutto il Marocco, specialmente nelle città, ma la lingua ufficiale è l’arabo:

Chiamate un dottore!: ‘eyyet at-tabiib!

Aiutatemi, per favore!: ‘awenii ‘afak!

Dov’è la farmacia?: Fein al-farmasyan?

Mi aspetti, per favore Intazarnii, ‘afak

Zucchero: Sukur

Sale: Melha

Che tempo fa...

Il Marocco ha una notevole diversità di climi, dovuta alla sua varietà geologica. Sulla costa si ha temperatura mite e piacevole in primavera-estate e più fredda e piovosa d’inverno; all’interno fa caldo e lo scirocco rende spesso l’aria soffocante; sulla costa atlantica il clima è più gradevole, il sud è arido e pesante. Piove d’inverno e un poco anche in primavera, d’estate è molto più caldo di giorno che di notte, con sbalzi termici vistosi nelle zone desertiche.

Come si arriva in Marocco

Alitalia e Royal Air Maroc (RAM) collegano Roma e Milano con voli diretti su Casablanca in circa tre ore. Royal Air Maroc ha servizi bisettimanali fra Catania e CasablancaCi sono anche servizi charterizzati per raggiungere non-stop alcune specifiche destinazioni. Dall’Italia si raggiunge il Marocco con voli di varie Compagnie europee. Valtur propone soggiorni di una o più settimane a Marrakesh e Agadir.
 
www.valtur.it

Banner 4Winds 700